search
top

salvare la Sanità Pubblica!

Dimensione Testo » Grande | Piccolo


 

SALVARE LA SANITA PUBBLICA!!!

 

Il Decreto Lorenzin cancella 203 prestazioni sanitarie pubbliche ed è un attacco

violento a quel poco che rimane del nostro SSN.

E” infame perchè racconta di lotta a sprechi evidenti mentre in realtà cancella ogni possibilità diagnostica dei MMG e cancella la idea stessa di prevenzione.

Niente sarà come prima.

Si potranno fare esami solo se c è un sintomo oppure un segno clinico ,ma attenzione ,non tutti gli esami saranno autorizzati.

Alla faccia di malattie gravi,inizialmente asintomatiche.

I Medici si sentono umiliati ed offesi,mentre gongolano laboratori privati e farmacie private.

Vietare la prescrivibilità del colesterolo totale è criminale se si pensa che le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte del paese.

Non c è onestà morale ed intellettuale e la gaffe sul colesterolo hdl lo dimostra.

Prescrivibile se alto(buona cosa,è protettivo),limitato se basso(cattiva cosa,alto rischio).

Non ci sono parole per SGP (enzima epatico che esprime una tossicità acuta),non se ne capisce la ragione.

IL suo valore è diagnostico per malattie epatiche e non solo,Epatite C asintomatica,Celiachia,danno da farmaci.

Semplicemente inquietante la limitazione della prescrivibilità di TAC E RMN,impossibili da richiedere, a meno che non ci si rivolga a strutture private.

Sono un medico e credo che nessun  ortopedico rinuncerà a chiedere una TAC oppure una RMN ,ed allora tutti i costi ricadranno sui cittadini.

Su questo Decreto non c è stata informazione e mobilitazione,sopratutto da parte dei cittadini.

Occorre la mobilitazione dei pazienti,occorrerebbe la mobilitazione dei Sindacati.

Alcune Regioni stanno facendo opposizione ma non la nostra ed è incomprensibile.

Noi ER siamo tra i più virtuosi del paese ed i MMG(medici di famiglia)di questa regione ,da anni,

lavorano per la appropriatezza prescrittiva.

Non ci meritiamo dei codardi al governo della Sanità Regionale.

Massimo  Comunale

MMG

Rifondazione Comunista

 

 



Condividi la Notizia:

13 Commenti a “salvare la Sanità Pubblica!”

  1. piero scrive:

    ciao Massimo,
    sono al 100% d’accordo con te
    hai ragione del decreto non si parla

  2. vito scrive:

    Massimo scusa ci avevo pure pensato,solo che era alle 9,30 venerdì mattina…..e questo mi ha fatto desistere dal dirtelo e chiedo venia….anzi io voglio che tu prenda questo impegno…..ti girero documentanzione prodotta

  3. rinazardetto scrive:

    Condivido Max,lo metto su facebook

  4. Lorena scrive:

    Grazie Massimo è importante sapere questo, farò girare la tua mail. C’È altro che possiamo fare?

  5. Erio scrive:

    Buonasera Massimo,

    Simona, che ho visto poco fa da Tilde, mi ha inoltrato il messaggio riguardante le nuove diposizioni Ministeriali in termini di revisione delle “spese sanitarie” in termini, diciamo, in linea con la spending revue.
    Sinceramente, si tratta di una frode ai danni dei cittadini e, soprattutto della SALUTE di tutti noi.
    Senza dilungarmi, poiché sono completamente d’accordo con quanto de lei scritto, mi sento di esprimerle tutta la mia solidarietà e partecipazione ad eventuali iniziative che volesse intraprendere per protestare contro il Decreto Lorenzin.

    Cordiali saluti

  6. Simo e Fra scrive:

    Ciao Massimo, siamo solidali e condividiamo il tuo sconcerto….Grazie per l’info…Come al solito i cittadini vengono lasciati all’oscuro di tutto…. Che tristezza!!!!

  7. Gianfranco scrive:

    Ciao MASSIMO ,
    grazie delle informazioni a noi comuni mortali….. , tocca a Te a Voi Medici mobilitarci , darci una dritta per farlo .
    Se è così macroscopico Quello che Denunci , beh ! credo che anche gli Altri Medici ci saranno.Saranno poi i Cittadini / Pazienti a sollecitare Quelli tra di Loro tardivi….
    Non ci si può ora fermare alla Denuncia tra pochi Intimi ….
    In attesa

  8. Max scrive:

    Ciao Massimo,
    ti ringrazio del comunicato. Ho visto sul Sole e altri quotidiani il punto della situazione e i prossimi incontri annunciati tra Ministero, Regioni ed Enti Locali. Sicuramente la situazione concreta è molto grave e l’applicazione fa disastri.

    Per comprendere bene e cercare di promuovere qualche azione istituzionale sul nostro territorio ho bisogno però di sapere come funziona il meccanismo di “disincentivi” per i medici di base che prescrivono troppi esami, quelli rientranti nell’elenco. Una mia amica dice che per una visita di controllo al seno il medico in virtù del decreto le ha negato l’impegnativa, mentre un altro gliel’ha fatta. Sono aspetti da comprendere.

    Vedo anche che le regioni adottano – come sempre – interpretazioni diverse, il solito caos all’italiana in cui lo stato può fare tagli e scaricarli sulla società, in modo confuso e disarticolato

    A presto

  9. Stefano scrive:

    Ciao Max,
    ottimo lavoro, difendere la sanità pubblica deve essere sempre più uno dei nostri obiettivi.

  10. Perrone Antonio scrive:

    Ragazzi e’ con immenso piacere comumicarvi che sono pienamente d’accordo con voi. Personalmente sono pronto a protestare nelle sedi dovute per proteggere i cittadini e noi medici.
    Un abbraccio a voi tutti.

  11. massimo alberini scrive:

    cosa e’ possibile fare ?
    sit in ?
    smettere di andare a votare ?
    io non ne ho proprio idea …….
    forse morire per costoro e’ la soluzione ?

  12. Elena scrive:

    Ciao Massimo.
    Concordo in pieno su ciò che avete scritto.
    tant’è che nell’ultimo comitato sono stata la prima , seguita solo da Euro Grassi, a protestare su questa assurdità.
    Secondo la tua esperienza, come possiamo rendere i cittadini partecipi ?
    Come possiamo procedere?
    ti ringrazio caramente per ogni tuo consiglio.
    A presto

top