search
top

Giù le mani dalla Sanità Pubblica!

Dimensione Testo » Grande | Piccolo


 

Un ministro scellerato e incompetente ha indetto per il 7 aprile la Giornata della Salute.

Raccontano di avere a cuore la salute dei cittadini e questo anno sensibilizzano la gente sulla diagnosi e cura della depressione.

Malattia tipicamente sociale e in clamorosa crescita ,si calcola che fra pochi anni saranno milioni i cittadini affetti.

Noi ,Comunisti del PRC,denunciamo la ipocrisia di chi sta distruggendo i principi basilari del nostro SSN e attenta gravemente alla stessa esistenza di in SSN.

Gli Ospedali sono al collasso ,il personale medico è ovunque sotto il tetto minimo di efficienza clinica,gli infermieri sono sotto organico e sottoposti a turni massacranti.

La situazione sul territorio è ancora più preoccupante:il decreto Lorenzin sulla appropriatezza prescrittiva,dapprima abiurato,è diventato legge con gravi conseguenze sulla libertà prescrittiva dei MMG.

Viene deciso per decreto ciò che erogabile e ciò che è prescrivibile.

Una umiliazione per i medici che dovranno continuamente controllare quello che si può fare e quello che si dovrà pagare.

Milioni di cittadini allergici pagheranno visite,esami,terapie.

Ricordiamo ,inoltre,lo scandalo dei farmaci in fascia C(a pagamento )fuori controllo con il paradosso che sciroppi e pomate possono costare decine di euro.

Un regalo ,ennesimo,alla strutture sanitarie private e certamente si allargherà la forbice fra chi può pagarsi visite e accertamenti e chi dovrà rinunciare alle cure.

11 milioni di cittadini nel 2016 hanno rinunciato alle cure prescritte,domani altri milioni  si aggiungeranno.

E allora di che cosa si parla non lo comprendiamo.

La tutela della Salute pubblica è un dovere per chi governa e un diritto costituzionale dei cittadini.

Si investe sulla Salute Pubblica e non esistono vincoli di bilancio accettabili.

IL PRC invitta i Cittadini ala mobilitazione,i Sindaci a  fare sentire ,forte, la voce del Territorio,

Invita la Regione ad un ruolo fattivo e di contrasto a politiche che indeboliscono i principi fondativi del SSN,universale per principio.

Invita le Organizzazioni Sindacali a far risentire la propria voce,in difesa dei lavoratori e dei più deboli.

 

Vito Albanese

Massimo Comunale

 

PRC   REGGIO EMILIA



Condividi la Notizia:

2 Commenti a “Giù le mani dalla Sanità Pubblica!”

  1. Alberto scrive:

    Sono d’accordo, ma perchè non iniziare sunbito una battaglia contro i ticket ?,Questi si’ sono una tassa odiosa ( specie per chi già paga le tasse) e ,cosa ancor piu’ grave, è discriminante fra chi è sano e malato ( sei malato allora paga per aver , a volte tardissimo ,delle prestazioni sanitarie ) ,e ,come al solito data la grande evasione fiscale, penalizzante i dipendenti e i pensionati .
    Nati come scopo pseudoeducativo per calmierare le richieste ( e per fare cassa sulla pelle dei malati) in effetti sono stai un ulteriore elemento discriminativo fra chi si puo’ permettere si spendere e chi no
    Un caro saluto

  2. Lino scrive:

    caro Massimo,

    questo è uno dei tuoi comunicati che condivido di più, anche per la competenza che hai sui problemi su cui ti pronunci, competenza che tu sai io non ti riconosco o ti riconosco solo parzialmente quando parli di problemi economici o del lavoro entrando nel merito tecnico dei provvedimenti.

    Certamente non condivido l’incipit:

    “Un ministro scellerato e incompetente ha indetto per il 7 aprile la Giornata della Salute.”

    Le parole sono importanti e usare questi toni aumenta solo il frastuono, che a me pare sia già abbastanza assordante.

    Ciao carissimo.

Rispondi

top